Germogli

Pubblicato da: Stefan Serena In: Notizie Scientifiche Sopra: Commento: 0 Colpire: 370

Avete sentito parlare dei benefici dei cereali integrali, verdure e legumi? Immaginatevi questi benefici moltiplicati grazie a questo meraviglioso processo della natura chiamato germoglio.

Germogli

Avete sentito parlare dei benefici dei cereali integrali, verdure e legumi? Immaginatevi questi benefici moltiplicati grazie a questo meraviglioso processo della natura chiamato germoglio.

Parliamo di germogli. Ma cosa sono? Per germoglio si intende il prodotto del seme vegetale quando esse viene interrato o gruppo di foglioline che nascono dalla gemma di una pianta. Forse conosciamo già i germogli di soia, ma è utile sapere che da tutti i semi (tranne le solanacee come pomodori, melanzane, peperoni, patate) si possono ricavare germogli; quindi dei semi di legumi, verdure e cereali.

Questi germogli di semi sono più ricchi di nutrienti dei semi stessi, perché durante il processo di germoglio la pianta subisce cambiamenti favorevoli e aumenta il suo valore nutritivo. Quali sono questi cambiamenti?

1.Diminuzione di fittati: in un video precedente abbiamo parlato dell’assorbimento di ferro e insieme abbiamo scoperto che uno dei fattori che impediscono un maggior assorbimento di ferro sono i fittati. Quindi durante il processo di germoglio, diminuisce la quantità di fittati, permettendo di questo modo che il ferro contenuto nel sema possa essere assorbito in maggior quantità.

2.Un altro cambiamento favorevole, è che aumentano gli aminoacidi essenziali dal 1’ al 30%, questo vuol dire una miglior qualità di proteine.

3.Il terzo cambiamento è la predigestione di glucidi, favorendo questo al processo di digestione proprio dello stomaco.

4.Grazie al processo di germoglio, aumentano anche le quantità di vitamine C, A e del complesso B.

5.Il contenuto di glucosio, fruttosio e saccarosio, carboidrati assenti previo germoglio, aumentano gradualmente durante il germoglio, raggiungendo un 3% ai 2 giorni di cominciato il processo e un 13% ai 10 giorni.

Avete sentito parlare dei benefici dei cereali integrali, verdure e legumi? Immaginatevi questi benefici moltiplicati grazie a questo meraviglioso processo della natura chiamato germoglio.

Forse vi chiedete dove potete comprare i semi germogliati. La buona notizia è che si possono fare a casa, ed è facilissimo. Ve lo spiego:

Due aspetti a tenere in conto sono, prima che il seme dev’essere giovane, altrimenti, se il seme ha più di anno potrebbe non germogliare. E il secondo aspetto è che i semi devono essere integrali, non decorticati.

Il processo si comincia lavando bene i semi. Dopo, preferibilmente in un contenitore di vetro o ceramica se li mette a bagno. Si chiude il contenitore, non ermeticamente e se lo mette al buio per 12 ore. Passato questo periodo di tempo, si sciacquano bene i semi, si scolano e si mettono in un vaso di vetro. Per coprire il vaso, dobbiamo utilizzare una garza o stoffa a rete tipo tulle e si ferma con un elastico. Si gira orizzontalmente il vaso e lo muovo finché i semi si stendano sul latto più lungo del contenitore.

Si ripone per altre 12 ore il contenitore al buio, e si sciacqua nuovamente, ma questa volta con un getto d’acqua leggero che faremmo passare direttamente dal coperchio di garza o tulle. In questa fase si vede che stanno cominciando a spuntare i germogli e dobbiamo procedere con cura. Si scola l’acqua e lo ripongo nel buio nuovamente, sempre stesso orizzontalmente. Si va avanti sciacquando ogni 12 ore per dare l’umidità che serve e anche per evitare le muffe che potrebbero formarsi. I germogli sono pronti una volta che hanno raggiunto i 3 centimetri di lunghezza o comunque fino a che il germoglio non a messo il primo accenno di foglioline. In genere questo accade dopo 3 ai 5 giorni, dipende del tipo di seme.

Per far si che i semi prendano un po’ di clorofilla, una volta pronti i germogli, possiamo lasciarli 5-6 ore alla luce, ma mai al sole. Prima di mangiarli bisogna sciacquarli molto bene 3 o 4 volte. Si possono conservare nel frigorifero durante una settimana in un contenitore con chiusura ermetica e sciacquandoli ogni 2 giorni per mantenerli in vita.

È molto facile da fare, ci vuole solo un po’ di pazienza. Cosa aspetti per provare a farli?

Related by Tag

Commenti

Lascia il tuo commento

* Required field

Top